North Pond Hermit Christopher Knight
Chris Knight scortato in Tribunale (PhotoAndy Molloy / Portland Press Herald tramite Getty Images)

“Indirizzo? chiede Vance. Nessuno, risponde Knight. Dove le mandano la posta? Nessuna posta. Dov’è la sua macchina? Nessuna macchina. Con chi vive? Nessuno. Dove? Nei boschi. Da quanto? Decenni. Vance preferirebbe qualcosa di più preciso. Da quale anno? insiste. Knight si concentra per un attimo scrutando fuori dalla finestra, ancora buio. Si ricorda qualcosa: in che anno è stato il disastro nucleare di Chernobyl?”

L’anno del disastro è il 1986, il giorno dell’interrogatorio è il 4 aprile del 2013. Christopher Thomas Knight è stato arrestato, ha 47 anni e vive nascosto nei boschi del Maine (negli Stati Uniti) da 27 anni. A vent’anni, alla fine di un viaggio verso il sud del paese, si era addentrato per un sentiero remoto a meno di un’ora di macchina da dove è nato. Quando da sterrato era diventato impercorribile aveva parcheggiato l’auto, riposto le chiavi e proseguito a piedi nel fitto della vegetazione con uno zaino e una tenda, senza una mappa né una bussola.

Da allora Chris Knight era svanito. Per tutto quel tempo era vissuto solo. L’unica volta in cui aveva incontrato un altro essere umano risale a qualche anno prima quando la sola parola che aveva pronunciato è “ciao”.

Questa è una storia vera e cercando su internet “Christopher Thomas Knight” compaiono le immagini di un uomo che sembra più vecchio della sua età anagrafica, quasi calvo, barbuto, con un paio di occhiali da vista sul naso. La sua esperienza estrema richiama alla mente quella di un suo omonimo, Christopher McCandless, raccontata nel libro di Jon Krakauer e nel film di Sean Penn con lo stesso titolo, “Into the wild”. Ma tra i due esiste una differenza che ha consentito a Knight di sopravvivere: il furto. La vita e la complessa personalità di quest’uomo enigmatico sono il soggetto del libro del giornalista statunitense Michael Finkel “Nel bosco, la straordinaria storia dell’ultimo vero eremita” che uscirà in Italia per Edizioni Piemme all’inizio di febbraio.

Leggi l’articolo sull’Huffington Post =>

© Barbara Lomonaco, pubblicato su Huffington Post. Gennaio 2018